La TV

La carriera di Totò è stata essenzialmente cinematografica e teatrale, comunque a suo tempo il grande comico napoletano si è avventurato anche nel mondo televisivo, con alterne fortune.
Negli anni ’50 e ’60 ha avuto rare partecipazioni televisive, essenzialmente interviste e comparsate a programmi come Il Musichiere e Studio Uno (con Mina).

Nel 1967, ormai praticamente cieco, realizzò una serie di nove telefilm:
Il latitante;
Il tuttofare;
Il grande maestro;
Don Giovannino;
La scommessa;
Totò ciak;
Totò a Napoli;
Totò Ye Ye, (mai andato in onda) ;
Premio Nobel.

Oltre a questi telefilm ha girato anche una serie di sketch pubblicitari nell’autunno del 1966, che andarono in onda su Carosello. La maggior parte di questi sketch è ormai introvabile ed avrebbe un valore economico enorme se messa sul mercato.
Gli sketch sono questi:
Totò cassiere
Totò calzolaio
Totò spazzino

Totò petroliere
Totò proprietario di ristoranti
Totò farmacista
Totò barista
Totò giocatore
Totò elettricista

Da notare che nel gennaio 1967 vennero girati altri sette caroselli, mai messi in onda perché furono rubati prima di essere utilizzati.

Totò con Mina e le gemelle Kessler, nel programma Studio Uno